MY ALTAROMA—>27TH JANUARY 2017

Giorno 2, ore 12, sfilata Brognano. Lo stilista, vincitore del concorso “Who is on the next?” dello scorso anno, propone per la Primavera/Estate 2017 una collezione fondata sulla street-couture romantica e sulla femminilità eclettica: le sue ragazze attingono al guardaroba maschile, arricchendolo con maxi fibbie gioiello e capi fluo degli anni Ottanta; alternano vestiti lunghi a minigonne, pantaloni ampi a silhouette aderenti, romantici pizzi a tessuti tecnici. Un vero e proprio inno alla libertà!
Ore 13, sfilata Rani Zakhem, che rende omaggio alla grande Dalida e agli anni della Disco con una collezione all’insegna dell’eleganza, della sensualità, dei colori e della lucentezza. Abiti che lasciano la schiena scoperta, impreziositi da pietre e cristalli, oppure a sirena con scollature asimmetriche e ricami floreali, o ancora vestiti da cocktail mini, maniche a pipistrello e gonne corte e danzanti per una notte di pura follia e divertimento allo Studio 54.
E’ la volta di Portugal Fashion, ore 15, sfilata collettiva di tre designer portoghesi. Calcano la passerella dapprima le modelle di Pè de Chumbo, le cui collezioni hanno come tratto distintivo lo sviluppo dei materiali in un processo che concilia tradizione ed innovazione. Per l’Autunno/Inverno 2017-2018, in particolare, si è pensato a pizzo e lurex per i party e a mix di colori e righe per abiti e tute in maglia casual. Seguono le creazioni di Estelita Mendonca, attraverso cui lo stilista cerca sempre di rendere nota la propria opinione sul mondo (i suoi loghi rimandano difatti ai recenti avvenimenti politici). La maggior parte dei suoi materiali è riciclata, come le coperte utilizzate per traslochi e ristrutturazioni o i sacchi a pelo. Sembra voler spronare i giovani a viaggiare molto ed a tenersi costantemente informati. Infine, la collezione di Susanna Bettencourt “Wear’art”, ispirata ad Instagram e basata sulla visione geometrica di un nuovo mondo nonchè sulla fusione di tecnologia ed artigianalità.
Ore 16, Giada Curti incanta tutti al St. Regis Hotel con la sua collezione “Secret Garden”, che onora la bellezza della donna, una preziosa regina moderna. Parola d’ordine “combinazione”, di giacche e lunghi abiti, di materiali e tessuti (mikado di seta, voile stampati con motivi floreali e pailettes).
Un salto all’Accademia Koefia per ammirare i cappelli di Patrizia Fabri ed alcuni allievi “all’opera” per poi assistere, all’interno della Coin Excelsior, alla suggestiva performance artistica di dodici modelle danzatrici professioniste con indosso le creazioni di NO KA ‘OI, giovane brand di action couture, e Giannico, talentuoso designer di calzature. Perché la donna di oggi è attiva, sportiva ed immancabilmente glamour.
Ed ecco che il tempo è volato troppo in fretta e si è concluso anche questo magico ed intenso secondo giorno di Altaroma.

 

The author didnt add any Information to his profile yet

Leave a Reply

Instagram

Instagram did not return a 200.